Aporia assiomatica

architettura piegataPiù di un anno e mezzo fa scrissi un breve commento a un articolo su un blog che oggi, con grande mio rammarico, non esiste più.

Stasera per puro caso ho ritrovato una bozza scritta a suo tempo e, visto che in buona parte rispecchia il mio pensiero attuale, ho pensato di pubblicarlo come lettura critica, con alcune modifiche stilistiche rispetto all’originale nel tentativo di rendere più chiaro possibile il concetto.

Ho sempre pensato all’ assioma come a una sconfitta, una rinuncia. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Libero pensiero, Pensiero critico | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Bakunin e l’Italia di oggi

Bakunin_cittaIn questo periodo l’Italia si trova in una condizione triste e pericolosa. Uno Stato disastroso e disastrato che si mantiene a stento solo schiacciando il Paese sotto il peso delle imposte. Un sistema fiscale vessatorio, inefficace e una gestione personale e piuttosto disinvolta del potere, una diffusa “questione morale”; lo strapotere della burocrazia e della consorteria che giudica la casta statale per eccellenza, una vasta congrega di persone “integerrime” dedite a predare con sistematicità la povera Italia, la presenza invasiva della Chiesa.

Questo non è un mio giudizio né di qualche giornalista, politico o sociologo di oggi ma risale, pensate un po’, a fine Ottocento, poco dopo l’Unità d’Italia.
E’ il ritratto del nostro paese (ricomposto da alcuni scritti sparsi)  di Michail Bakunin, che ebbe modo di conoscere l’Italia lungo un soggiorno tra il 1864 e il 1867. Continua a leggere

Pubblicato in Letture critiche | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Victor Hugo, monsieur le Représentant

Rodin- Monumento a Victor Hugo (Primo progetto)

Rodin- Monumento a Victor Hugo (Primo progetto)

Raccontano, ma senza insistere troppo sulla realtà del fatto, che, per celebrare solennemente Victor Hugo, fu organizzata nel palazzo dell’Eliseo una gran festa, alla quale parteciparono, recando il loro omaggio, rappresentanze di tutte le nazioni.

Nel salone del ricevimento il grande poeta stava in posa solenne, statuaria, con il gomito poggiato al bordo di un caminetto.
I rappresentanti delle nazioni si facevano avanti tra il pubblico e presentavano il loro omaggio al vate di Francia. Continua a leggere

Pubblicato in Blog letterario, Letture critiche | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Fourier, critico moderno

falansterio“Fourier non è solo un critico; la sua natura perennemente gaia ne fa un satirico e precisamente uno dei più grandi satirici  di tutti i tempi”

Friedrich Engels

Charles Fourier è di solito archiviato come utopista o al più come “socialista utopico”, al pari Saint-Simon e Owen, per distinguerlo, come fece anche Marx,  dai sostenitori del cosiddetto “socialismo scientifico”.

Questa semplificazione ha il difetto, non trascurabile, di sorvolare sugli aspetti più sottilmente critici del filosofo e di ridurlo sbrigativamente a ispiratore e organizzatore delle “falangi”, cioè delle comunità utopiche strutturate (alcune costituite realmente nel nord degli Stati Uniti) che dovevano avere come scopo principale il miglioramento dell’umanità, la creazione di un uomo nuovo, dell’Armonia. Continua a leggere

Pubblicato in Classici, Letture critiche, Libero pensiero | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

La saggezza straordinaria dei racconti chassidici

Un-silenzio-straordinario

Gli amici di Critica Letteraria – che hanno la bontà di ospitarmi saltuariamente nel loro attivissimo blog -, a margine della Giornata della Memoria, hanno pubblicato una recensione al libro “Un silenzio straordinario. Racconti chassidici” a cura di Rami Shapiro, Editrice La Giuntina, Firenze, 2005 pp. 235, che ritengo appropriata anche allo spirito di Lettura Critica.

Molti, credo (spero), sanno che la Giornata della Memoria si celebra il 27 gennaio perché in questo giorno del 1945 fu liberato, dall’Armata Sovietica, il famoso campo di concentramento di Auschwitz.

Molte meno persone (credo ma spero di no) sanno invece che ad Auschwitz e in altri campi c’erano delle “sezioni” riservate ai zingari Rom e Sinti.

Anche loro, come gli ebrei, gli omosessuali e i Testimoni di Geova, furono uccisi dai nazisti, in diverse centinaia di migliaia (tanto che nella lingua romaní esiste un termine per indicare lo sterminio, similmente a “Shoah”: “Porrajmos” cioè distruzione, divoramento). Continua a leggere

Pubblicato in Letture critiche, Pensiero critico | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

George Simmel e le interazioni sociali

SimmelSebbene George Simmel possa essere considerato, a pieno titolo, fondatore della sociologia come disciplina indipendente, alcuni studiosi hanno messo in dubbio che sia veramente un sociologo (a differenza di altri, per esempio Durkheim o Weber).
Del resto lui stesso si ritenne più filosofo che sociologo o meglio rifuggì semplicistiche categorizzazioni, tanto da sentenziare:
So che morirò senza eredi spirituali (e va bene così). La mia eredità assomiglia a denaro in contanti, che viene diviso tra molti eredi, di cui ognuno investe la sua parte in modo conforme alla sua natura, senza interessarsi della sua origine”. Continua a leggere

Pubblicato in Letture critiche, Pensiero critico | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

I tormenti di René Chateaubriand

Rene_ChateaubriandFrancois René, visconte di Chateaubriand, fu scrittore versatile, aristocratico, giornalista, seduttore mondano, avventuriero, politico, militare, perfino dandy, per Baudelaire.

Descrive egli stesso il suo carattere come quello di un nevrotico:
“Ero di temperamento impetuoso, di carattere mutevole. Di volta in volta irruente e allegro, silenzioso e triste” (René, Chateaubriand, Marsilio, 2001, pag. 75).

René, romanzo tanto autobiografico da riprendere nel titolo il suo stesso nome, inizialmente era all’interno del libro “Genio del cristianesimo”, ma poi come anche per un’altra parte, Atala, divenne un romanzo separato a grande richiesta dei lettori.
Coerentemente con questo carattere impulsivo e appassionato, Chateaubriand, nei successivi Mémories d’outre-tombe, rinnegherà René e di conseguenza anche se stesso:
“Se René non esistesse, non lo scriverei più; se mi fosse possibile distruggerlo, lo distruggerei”. Continua a leggere

Pubblicato in Blog letterario, Letture critiche | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Weber, l’etica e il capitalismo

Ai primi del Novecento, esattamente tra il 1904 e il 1905, Max Weber scriveva “L’etica protestante e lo spirito del capitalismo“, un importante testo che, in maniera quasi scientifica, affrontava il tema spinoso dei rapporti tra economia e religione.

Era un periodo in cui il capitalismo si affacciava sulla scena mondiale, eppure questo sociologo ante litteram sviluppò al riguardo delle rigorose e originali tesi ancora oggi molto discusse e citate, degne senz’altro di lettura critica. Continua a leggere

Pubblicato in Classici, Letture critiche | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

Filosofia e nuovi sentieri – Attualità e negazione

Filosofia e nuovi sentieri continua a percorrere, instancabile, i sentieri del pensiero filosofico.

Per l’occasione il sito si rinnova con una veste grafica più accattivante.

In questo articolo, la penna (la tastiera) incisiva di Luca Ormelli si occupa dell’essere e del divenire, con profondità e altezza di vedute (effetto Pasubio?) davvero pregevoli.

In uno stile pieno di rimandi e suggestioni, con un’atmosfera che richiama vagamente Heidegger o Michelstaedter.

Da leggere e soprattutto da digerire.

Un vero sentiero da percorrere, non facile, accidentato, spesso in salita, potente: http://filosofiaenuovisentieri.wordpress.com/2012/10/21/attualismo-e-negazione/

Pubblicato in Filosofi, Pensiero critico | Lascia un commento

Filosofia e nuovi sentieri – Eraclito

Continua il percorso di “Filosofia e nuovi sentieri” con un nuovo articolo su Eraclito a questo indirizzo:  link Eraclito .

Autore presocratico ma sempre attuale, dal pensiero complesso, enigmatico e dallo stile aforistico, accattivante, elusivo.
Un autore non da assaggiare ma da digerire con lentezza e voluttà, la cui riflessione ci riporta agli albori di una filosofia che mirava alla provocazione e aborriva l’acquiescenza, anche e soprattutto nei dettagli della vita quotidiana.

Con una visione aristocratica e nobile di un mondo in continuo movimento, lotta tra opposti e dove il lògos comune assurge a bene superiore e auspicabile.

Detto con amarezza: la storia, anche quella del pensiero, non insegna nulla?

Pubblicato in Filosofi | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Nuovo blog: Filosofia e nuovi sentieri

Debutto di “Filosofia e nuovi sentieri“, rivista on-line.

Esordisce finalmente, grazie alla collaborazione con Daniele Baron e Luca Ormelli, la rivista on line “Filosofia e nuovi sentieri”, un nuovo spazio di discussione e approfondimento filosofico.

Uno spazio rigoroso, appassionato ma non accademico, sul mondo del pensiero per riscoprire quella meraviglia che contraddistingue l’essere umano e ne magnifica le potenzialità.

 

Si prevedono 4 sezioni:
Apo telous per la libera e autonoma teoresi
Panopticon destinata alle recensioni
Tacheles per l’ermeneutica di testi noti e meno noti
Advaita per le monografie
La prima impronta è di Daniele Baron sul “sentiero” di Sergio Givone, autore di un’affascinante “Storia del nulla”.
Sulla pagina “Manifesto” altri ulteriori dettagli.

Ringrazio Luca e Daniele per questa opportunità di confronto collegiale e di approfondimento meditativo.

Buona lettura e buona riflessione a tutti.

Giuseppe Savarino

Pubblicato in Classici, Filosofi, Libero pensiero, Pensiero critico | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Omaggio a Madame du Deffand

Madame du DeffandA veder bene, esiste una sola disgrazia nella vita, quella di essere nati”;
Voi trovate risorse in voi stesso; io in me trovo solo il nulla”.

Queste frasi potrebbero essere attribuite benissimo allo scrittore franco-rumeno Emil Cioran (feroce pessimista e scettico sui generis; vedere per approfondimenti anche l’altro mio blog, Tutto Cioran) e invece provengono dalla plume di Marie Anne de Vichy-Chamrond, meglio conosciuta come Madame du Deffand (1697-1780).

Personaggio singolare e dall’indubbio fascino, appartiene (se cediamo alla semplificazione della categorizzazione) al mondo dei salotti letterari, i Salons, che animarono il dibattito culturale di fine Seicento e dell’Illuminismo settecentesco francese. Continua a leggere

Pubblicato in Blog letterario, Filosofi, Letture critiche | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento